Immagine: regiosuisse.

Monitoraggio dello sviluppo economico regionale

Qual è l’andamento dell’occupazione e della disoccupazione in Svizzera? Qual è la forza economica e a che livello si situa la produttività del lavoro? In quali aree si registra un aumento della popolazione e del reddito e in quali invece un calo? Una risposta a queste domande la forniscono il monitoraggio delle regioni di regiosuisse svolto su incarico della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) e altri monitoraggi rilevanti per lo sviluppo regionale a livello svizzero, che mostrano un quadro dettagliato dello sviluppo economico delle regioni e costituiscono un'importante base informativa per l'elaborazione di strategie di sviluppo regionale da parte degli operatori della Nuova politica regionale (NPR) – anche per i programmi di attuazione dei Cantoni!

Rapporto di monitoraggio 2016

Con il «Rapporto di monitoraggio 2016» regiosuisse trae per la quarta volta un bilancio dello sviluppo economico regionale in Svizzera. Lo sviluppo viene rappresentato sulla base di vari indicatori stabiliti nei seguenti ambiti: mercato del lavoro, struttura e prestazione economica, popolazione e benessere nonché localizzazione e infrastruttura. Il rapporto mostra per esempio che nelle aree urbane l'occupazione cresce più velocemente rispetto alle aree rurali. Contemporaneamente le differenze di reddito tra città e campagna si sono ridotte. Rispetto ai rapporti di monitoraggio precedenti l'edizione attuale è stata integrata con diversi nuovi indicatori e gli indicatori esistenti hanno ottenuto una maggiore distinzione.

Lo sapevate...

...che negli scorsi anni l’occupazione femminile è aumentata in Svizzera?

Negli scorsi cinque anni la percentuale di lavoratrici è aumentata leggermente in tutta la Svizzera, con una crescita più pronunciata nelle aree urbane. Inoltre la percentuale lavorativa delle donne è mediamente inferiore nelle aree rurali rispetto a quelle urbane. Da una recente pubblicazione Eurostat emerge che la Svizzera è tra i primi paesi europei per tasso di occupazione femminile a tempo parziale. Nel 2016 il 60,2 per cento delle donne professionalmente attive in Svizzera lavorava a tempo parziale. Una percentuale superata solo dai Paesi Bassi con un 76,4 per cento. La media europea si attesta al 31,9 per cento (cfr. Eurostat, Donne e uomini in Europa – Un ritratto statistico, 2017)

...che nelle aree urbane la disoccupazione varia di più che non in quelle rurali?

Nei cinque spazio-tipo del monitoraggio regiosuisse il tasso di disoccupazione varia in misura eterogenea. Nei periodi di recessione o di alta congiuntura le aree metropolitane e gli agglomerati segnano variazioni nettamente più pronunciate rispetto alle altre regioni. Inoltre, dal 2000 il tasso dei senza lavoro nelle aree urbane supera costantemente quello registrato nelle aree rurali. Nel 2016 si è attestato al 3,7 per cento nelle aree metropolitane e negli agglomerati, contro il 2,4 per cento nelle aree rurali (cfr. Rapporto di monitoraggio 2016, cap. 3.1).

...che nell'ultimo decennio la percentuale di persone attive con un diploma di livello terziario è fortemente aumentata?

In Svizzera la percentuale di persone che hanno seguito una formazione nel terziario è aumentato fortemente, passando dal 26% nel 2000 al 40% nel 2015. Quest’evoluzione è riconducibile in particolare alla forte espansione delle scuole universitarie. Nello scorso decennio, la quota di persone attive con un diploma di livello terziario è aumentata in tutti gli spazi-tipo considerati da regiosuisse, in particolare in quello urbano. Nelle aree rurali la percentuale è nettamente inferiore a quella registrata nella aree urbane (cfr. Rapporto di monitoraggio 2016, cap. 3.1).

...che il settore paralberghiero nel primo trimestre del 2017 ha raggiunto una quota del 35 percento della ricettività turistica complessiva?

Fanno parte del settore paralberghiero le abitazioni di vacanza gestite a scopo commerciale, gli alloggi collettivi e i campeggi. Nel primo trimestre del 2017 il settore paralberghiero in Svizzera ha registrato 4,7 milioni di pernottamenti, a fronte di un risultato complessivo del settore alberghiero e paralberghiero di 13,6 milioni di pernottamenti. La statistica del settore paralberghiero si basa su un rilevamento svolto dal 2016 a livello nazionale dall'Ufficio federale di statistica (UST). Il settore paralberghiero è stato inserito – quale integrazione del settore alberghiero – nel nuovo set di indicatori di regiosuisse. Dato che il primo rilevamento è stato effettuato nel 2016, nell'attuale Rapporto di monitoraggio 2016 trovate unicamente i risultati del settore alberghiero (cfr. Rapporto di monitoraggio 2016, capitolo 3.2).

...che la distanza dai luoghi di cultura e di formazione è maggiore in periferia che non nelle aree urbane?
In Svizzera l’offerta di servizi di base è buona in tutti i tipi di spazio. Il servizio universale è garantito e le differenze a livello di fornitura sono relativamente piccole. Rispetto alle aree urbane, nelle regioni periferiche rurali si osserva tuttavia che le distanze per raggiungere le offerte culturali e formative sono sensibilmente maggiori. Una situazione che rende più difficile trattenere o attirare i giovani e le persone con esigenze elevate ad esempio in fatto di formazione o cultura. È quanto emerge dalle valutazioni del nuovo settore «qualità localizzative e infrastruttura» inserito di recente nel set di indicatori di regiosuisse (cfr. Rapporto di monitoraggio 2016, capitolo 3.4).

Ulteriori rapporti di monitoraggio di regiosuisse

Analisi particolareggiate – come si sviluppa la vostra regione?

I Cantoni, le regioni nonché altre istituzioni e organizzazioni legate allo sviluppo regionale possono incaricare regiosuisse a svolgere delle analisi particolareggiate sullo sviluppo economico regionale del loro territorio. Lo svolgimento di analisi particolareggiate è possibile per tutti gli indicatori di regiosuisse sulla base del rapporto di monitoraggio 2016. Le unità di valutazione più piccole sono i Comuni. Per ulteriori informazioni sulle possibilità e sulle condizioni potete rivolgervi a Stefan Suter.

Altri monitoraggi

Accanto a quello di regiosuisse, altri monitoraggi permettono di trarre conclusioni sullo sviluppo economico regionale in Svizzera e/o di effettuare confronti con le regioni dell’Unione europea (ad es. ESPON 2013 Database).

Monitoraggio dello spazio rurale (ARE)
Nel quadro del monitoraggio dello spazio rurale, tra il 2003 e il 2008 sono stati realizzati vari studi tematici. Continua >>>
City Statistics (Urban Audit) (UST)
Il progetto City Statistics (in precedenza: Urban Audit) offre informazioni e misurazioni comparative relative a diversi aspetti delle condizioni di vita nelle città europee, sulla base di ca. 200 indicatori posti su tre livelli territoriali (agglomerati, nuclei cittadini e quartieri). Continua >>>
Atlante statistico interattivo della Svizzera (UST)
L’atlante statistico interattivo della Svizzera disponibile online offre un sommario sulle domande di carattere regionale relative a diversi ambiti tematici. Le disparità e i legami territoriali possono essere rappresentati in forma grafica o numerica. Continua >>>
Indicatori delle disparità regionali in Svizzera (UST)
La pubblicazione «Regionale Disparitäten in der Schweiz − 3. Ausgabe», disponibile anche in francese, presenta una serie di indicatori utili per misurare le disparità regionali. Continua >>>
MONET – Monitoraggio dello sviluppo sostenibile (UST, UFAM, ARE)
MONET è un sistema di indicatori per il monitoraggio dello sviluppo sostenibile in Svizzera. Misura e commenta la situazione attuale e l’evoluzione tenendo conto della dimensione sociale, economica ed ecologica dello sviluppo sostenibile. Continua >>>
Profili regionali svizzeri (UST)
Profili statistici attuali per tutti i Cantoni, le città e i comuni della Svizzera, messi a disposizione dall’Ufficio federale di statistica. Continua >>>
ESPON 2013 Database (European Spatial Planning Observation Network)
La Rete di Osservazione Permanente della Pianificazione Territoriale Europea (ESPON), alla quale partecipa anche la Svizzera nel quadro della Cooperazione territoriale europea (CTE), ha attivato ESPON Database, un database online che contiene dati e valutazioni sull’evoluzione territoriale dell’UE, della Svizzera, del Liechtenstein, dell’Islanda e della Norvegia. Continua >>>
Indagine sull’innovazione dell’economia svizzera (KOF)
Su mandato della SECO, il Centro di ricerche congiunturali del Politecnico federale di Zurigo (KOF) svolge ogni tre anni un'indagine sull'innovazione presso 6500 imprese dell'economia privata scelte per campionatura. Continua >>>
Regional Database (OCSE)
La banca dati dell’OCSE contiene una quarantina di indicatori su importanti tematiche socio-economiche per circa 2000 regioni in 30 paesi, che permettono confronti internazionali. Gli indicatori coprono gli ambiti popolazione, economia, mercato del lavoro, situazione sociale e innovazione. Continua >>>
Observatoire Statistique Transfrontalier de l’Arc Jurassien (OSTAJ) 
Il sito web «Observatoire Statistique Transfrontalier de l’Arc Jurassien» raccoglie dati statistici riguardanti la demografia, il mercato del lavoro e lo sviluppo economico nel Giura francese e svizzero. Continua >>>
Eurostat regional yearbook (Eurostat)
L'annuario «Eurostat regional yearbook» offre una visione generale delle statistiche più importanti disponibili in 12 vari ambiti tematici per le regioni europee. Continua >>>
Monitoraggi di aziende e istituti privati
Credit Suisse Economic Research pubblica ogni anno studi e analisi delo sviluppo economico delle regioni svizzere nella collana «Swiss Issues Regionen». 
L’istituto di ricerca BAK Basel Economics realizza studi di benchmarking, analisi strutturali e previsioni che sono in parte pubblicati online. 
L’indice di competitività dei Cantoni dell’UBS rende possibile una valutazione delle economie pubbliche cantonali sulla base di un profilo dei punti forti e dei punti deboli e funge da strumento per l’assunzione di decisioni strategiche a livello regionale.

 

News dal monitoraggio

Nelle aree metropolitane più opportunità commerciali che in quelle rurali

Il Global Entrepreneurship Monitor (GEM) è l’indagine più importante e più ampio condotta a livello internazionale sull’imprenditorialità. Dal rapporto dedicato alla Svizzera, che per la prima volta considera anche le tipologie territoriali definite da regiosuisse, emerge che nel nostro Paese il numero delle nuove imprese rimane inferiore alla media internazionale nonostante un leggero aumento.

L’iniziativa sul personale qualificato fa presa

A fine ottobre il Consiglio federale ha approvato il secondo rapporto di monitoraggio sull’iniziativa sul personale qualificato la quale contempla misure volte a sfruttare meglio il potenziale di manodopera locale.

Le città alpine si aprono al futuro

Nelle città dell'arco alpino soffia vento di cambiamento. Grazie ai migliori collegamenti sono infatti raggiungibili più facilmente anche da Zurigo, Berna e Losanna. Il nuovo numero di «Forum sviluppo territoriale» presenta il nuovo volto di queste località, che vanno rafforzando la loro funzione di cerniere tra i centri dell’Altopiano e gli spazi rurali alpini.

regiosuisse ha pubblicato il «Rapporto di monitoraggio 2016» e la nuova rubrica «Monitoraggio dello sviluppo economico regionale»

Con il «Rapporto di monitoraggio 2016» regiosuisse stila per la quarta volta un bilancio dello sviluppo economico regionale in Svizzera. Il rapporto mostra per esempio che nelle aree urbane l'occupazione cresce più velocemente rispetto alle aree rurali. Contemporaneamente, le differenze di reddito tra città e campagna si sono ridotte. Nella nuova rubrica «Monitoraggio dello sviluppo economico regionale» trovate, oltre all'attuale rapporto di monitoraggio, i rapporti precedenti come pure i link relativi ad altri monitoraggi rilevanti per lo sviluppo regionale.

Paesaggi deteriorati

In Svizzera non esistono praticamente più aree risparmiate dalla mano dell’uomo, che è riuscito persino a costruire infrastrutture sulle Alpi. Il cambiamento del paesaggio è particolarmente evidente nell’Altipiano, dove la crescita economica degli anni 1950, l’espansione degli agglomerati e una rete viaria sempre più densa hanno avuto un impatto particolarmente forte. Questa trasformazione non sfugge alla nostra percezione, come emerge da un monitoraggio realizzato dalla Confederazione.

Specializzazione territoriale in aumento in Svizzera

Osservando i singoli settori emerge un aumento della specializzazione tra le aree territoriali: questo è dimostrato da una speciale analisi di indicatori selezionati dal monitoraggio di regiosuisse all’attenzione della nuova edizione di «La Vie économique».

L’innovazione nelle imprese svizzere – regiosuisse integra i risultati dell’indagine KOF nel rapporto di monitoraggio

I risultati della 10° indagine sulle attività di innovazione per il periodo 2012-2014 mostrano che le imprese svizzere restano tra le più innovative a livello mondiali. Ciò nonostante, il numero di aziende che fanno innovazione è leggermente diminuito. Nel rapporto di monitoraggio 2016 che uscirà a inizio estate regiosuisse analizza i risultati in relazione alle diverse aree territoriali del Paese.
Condividi articolo