La plate-forme du développement régional en Suisse

Fiume Tresa - gestione comune delle emergenze

Il progetto mira alla sicurezza del territorio, proteggendolo dai pericoli gravitativi e d’inondazione.La frana Cadegliano-Viconago è attiva dal 2000 con diverse colate detritiche che hanno causato chiusure anche prolungate della SP 61 ed interessato l'alveo del fiume Tresa (confine italo-svizzero). Le indagini hanno evidenziato un movimento profondo tale da impedire una sua completa stabilizzazione ma che necessita di un continuo monitoraggio e di politiche di contenimento degli effetti che la sua attivazione potrebbe provocare. Il contesto è altamente strategico: a valle, oltre a SP 61 e fiume Tresa, in territorio elvetico c’è un campo pozzi idropotabili.Gli scopi del progetto sono:• riduzione del rischio di accadimento del crollo della frana e dell'impatto;• monitorare i fenomeni e definire un protocollo operativo transfrontaliero in caso di crisi (la viabilità alternativa è in suolo svizzero).Sono previsti inoltre lavori lungo il fiume, garantendo la continuità ecosistemica, per stabilizzare il piede della frana:• due rampe in blocchi per ridurre la capacità erosiva (abbassamento del fondo superiore a 2 m negli ultimi 15 anni);• parziale ripristino tratto di difesa di sponda in sx di intervento realizzato post evento 2002 (Abitato di Cremenaga).Infine la realizzazione di un by-pass in territorio elvetico del fiume in corrispondenza del fronte di frana in caso di evento eccezionale garantirà la continuità del corso d'acqua evitando pericolosi fenomeni di sbarramento.

Canton
Tessin
Thème
Ressources naturelles
mesures de qualification
Programme
Interreg
Durée du projet
30.10.2018 - 23.05.2022
Instrument de financement
à fonds perdu
Coût
CHF 198'479.-
Soutien Confédération
CHF 99'240.-
Coûts totaux UE
€ 970'479.-
Les buts stratégiques et les thèmes prioritaires mis en œuvre dans le cadre de la NPR varient selon le canton et la région et sont déterminants pour savoir si un projet peut bénéficier du soutien financier de la NPR.
Partager l'article