La plate-forme du développement régional en Suisse

RicoNet – Rigenerazione territoriale e cooperazione per la governance transfrontaliera

RiCoNET mira a rafforzare la governance transfrontaliera mediante un confronto di metodologie applicate nei due contesti territoriali. Gli ambiti interessati alla governance multilivello sono il comune piemontese di Biella e le municipalità vallesi di Riddes e Iserables. Il tema è la riqualificazione e la rigenerazione del territorio andando ad approfondire il vuoto normativo italiano e regionale sull’uso temporaneo degli spazi/luoghi non utilizzati e frutto della crisi del settore manifatturiero/industriale.

Le attività di confronto si realizzeranno attraverso diverse metodologie: workshop, tavoli tematici di discussione e atelier di esplorazione territoriale. Il nuovo modello di governance sperimentato sarà replicabile in altri territori della cooperazione. Le azioni di formazione garantiranno il trasferimento delle competenze e dei processi agli operatori transfrontalieri (funzionari delle pubbliche amministrazioni e professionisti, artigiani e ordini professionali).

Si definiranno dei Toolkit specifici sulla metodologia condivisa, sulla governance multilivello e sulla rigenerazione urbana e uso temporaneo degli spazi/luoghi non utilizzati a supporto delle Amministrazioni e adottabili oltre il termine del progetto. Infine la valutazione ed efficacia dell’impatto sociale, a conclusione delle attività, permetterà di procedere con eventuali manovre correttive dei modelli di governance sperimentati.

Canton
Valais
Thème
Management régional
mise en place de management régional
Programme
Interreg
Durée du projet
04.06.2020 - 14.10.2022
Instrument de financement
afp
Coût
CHF 60'000.-
Soutien Confédération
CHF 30'000.-
Coûts totaux UE
CHF 459'904.-
Contact

HES-SO Valais Wallis
3960 Sierre

Les buts stratégiques et les thèmes prioritaires mis en œuvre dans le cadre de la NPR varient selon le canton et la région et sont déterminants pour savoir si un projet peut bénéficier du soutien financier de la NPR.
Partager l'article