La piattaforma per lo sviluppo regionale in Svizzera

Consumo locale nell’area metropolitana del Lemano

L’obiettivo principale del progetto è di rafforzare le interconnessioni economiche tra agglomerati e aree rurali promuovendo in particolare il consumo di prodotti locali provenienti dalle regioni rurali dell’area di intervento. A tal fine si tratterà tra l’altro di fornire consulenza agli attori rilevanti o di rafforzare le reti di conoscenze e innovazione su questo tema. Il progetto è realizzato nell’ambito del programma pilota Aree d’intervento economia (PHR economia) che si focalizza sull’importanza economica delle aree di intervento definite dal Progetto territoriale Svizzera.

Obiettivi ed effetti attesi

L’obiettivo generale del progetto cofinanziato dai Cantoni Vaud, Friborgo, Ginevra e Vallese e coordinato da AGRIDEA è di rafforzare gli scambi economici tra gli agglomerati e le aree rurali. A tal fine si intende provvedere affinché i produttori regionali mantengano le proprie quote di mercato. Globalmente il progetto promuove il consumo sostenibile nelle città e crea valore aggiunto nelle regioni più rurali dell’area di intervento.

Per implementare il progetto sono stati definiti quattro sotto-obiettivi concreti:

  • introdurre modelli di governance adeguati
  • rafforzare la rete di conoscenze e di innovazione sul tema del consumo locale
  • garantire che le aziende esistenti e quelle nuove attive nel settore agricolo e al di fuori di esso abbiano accesso a una consulenza adeguata e ad altri servizi di supporto
  • realizzare progetti pilota e studi di casi che incoraggiano il consumo locale.

Gli obiettivi vengono inseriti in un livello strategico superiore che si focalizza sull’interconnessione con l’area di intervento.

 

Attività

I quattro sotto-obiettivi summenzionati vengono raggiunti come segue:

Obiettivo 1: introdurre modelli di governance adeguati

Per raggiungere quest’obiettivo occorre utilizzare in modo efficiente gli strumenti della politica e dell’amministrazione. A tal fine, è necessario conoscere le abitudini di acquisto e di consumo. Dapprima bisogna tuttavia definire e caratterizzare in modo chiaro i prodotti locali. Successivamente verranno realizzati studi sul comportamento di acquisto dei consumatori in relazione ai prodotti locali. Inoltre, si identificheranno e analizzeranno gli strumenti di promozione esistenti per le start-up e le PMI. Infine, verrà allestita una panoramica delle attività di promozione del consumo locale nei quattro Cantoni. Le conoscenze raccolte sul comportamento dei consumatori e sull’utilizzo degli strumenti dell’economia e della politica permetteranno di accertare e garantire che i modelli cantonali di governance abbiano un impatto positivo sui progetti di promozione del consumo locale. 

Obiettivo 2: rafforzare la rete di conoscenze e di innovazione

Si tratta di identificare e analizzare gli attori e le reti che hanno un legame con il consumo locale, focalizzandosi sugli attori chiave pubblici e privati dell’agricoltura, della silvicoltura e della promozione dell’innovazione. In un secondo tempo verrà creata una rete di conoscenze e di innovazione, che fornirà consulenza sul tema del consumo locale agli attori privati e pubblici.   

Obiettivo 3: garantire l’accesso a una consulenza adeguata e ad altri servizi di supporto

In una prima fase vengono rilevati i bisogni delle PMI in materia del consumo locale e allestita una panoramica dell’offerta di consulenza esistente. Su tale base verrà messa a punto un’offerta di consulenza e di servizi funzionale ai bisogni delle PMI.

Obiettivo 4: realizzare progetti pilota e studi di casi

Grazie a progetti concreti ed esempi di casi verranno raccolte e diffuse conoscenze che serviranno ad incentivare il consumo di prodotti locali. Le conoscenze verranno poi elaborate e formulate sotto forma di raccomandazioni.

Questi sotto-obiettivi puntano a rafforzare l’area metropolitana del Lemano e a formulare proposte in merito alla rilevanza di quest’area per la promozione dei prodotti locali.  

Valore aggiunto atteso per l’area di intervento

Il collegamento più stretto tra agglomerati e aree rurali rafforzerà le catene di valore tra queste due tipologie territoriali. Le esperienze raccolte mostreranno come valorizzare in modo ideale i prodotti locali nell’area di intervento. 

Attori coinvolti

Servizi cantonali dell’agricoltura dei Cantoni Vaud, Friborgo, Ginevra e Vallese: direzione generale del progetto

AGRIDEA: coordinamento / cofinanziamento del progetto

Cantoni Vaud, Friborgo, Ginevra e Vallese: cofinanziamento del progetto

Sofies, Beelong, IDHEAP, Prométerre e altri: partner

PHR economia

Il programma pilota Aree d’intervento economia (PHR economia) si focalizza sull’importanza economica delle aree di intervento definite dal Progetto territoriale Svizzera. Per mezzo di progetti urbano-rurali con un orientamento economico si propone di raccogliere elementi e conoscenze sull’importanza economica delle aree di intervento. Il programma pilota è attuato nell’ambito della Nuova politica regionale (NPR) in stretta collaborazione con l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE).

Aree di intervento secondo il Progetto territoriale Svizzera

https://www.are.admin.ch/are/de/home/raumentwicklung-und-raumplanung/strategie-und-planung/raumkonzept-schweiz/_jcr_content/par/image/image.imagespooler.jpg/1476917385593/karte_1_des_raumkonzeptschweiz515handlungsraeumebildenunddaspoly.jpg

Il PHR economia è una misura della Politica degli agglomerati della Confederazione 2016+ (AggloPol) e della Politica della Confederazione per le aree rurali e le regioni montane (P-LRB), la cui attuazione è stata affidata nel febbraio 2015 all’ARE e alla Segreteria di Stato dell’economia (SECO). In quanto tale, il programma serve quindi allo sviluppo territoriale coerente e punta alla promozione di progetti concreti nelle sei aree di intervento definite (area metropolitana di Zurigo, area metropolitana del Lemano, Regione della capitale Svizzera, area metropolitana trinazionale di Basilea, Lucerna e Arco giurassiano).

Il PHR economia è attuato nell’ambito della NPR e si focalizza su obiettivi economici.

Oltre ad imprimere impulsi allo sviluppo economico della regione, il PHR economia mira a verificare, attraverso progetti concreti, l’importanza delle tematiche economiche nelle aree di intervento definite. I progetti devono permettere di individuare le sfide e i compiti che possono essere gestiti particolarmente bene nelle aree di intervento del Progetto territoriale Svizzera. 

Parallelamente, vengono esaminate le interfacce con altre politiche settoriali. Il PHR economia deve portare vantaggi principalmente alle aree rurali, alle regioni di montagna e a quelle di confine (ambito di promozione della NPR).

Contatto presso la SECO: Sabine Kollbrunner (sabine.kollbrunner@seco.admin.ch, 058 462 22 64), Cyril Lyner (cyril.lyner@seco.admin.ch, 058 464 73 50); contatto presso l’ARE: Alessia Daouk (alessia.daouk@are.admin.ch, 058 463 39 38).

Cantone
Friburgo
Ginevra
Vaud
Vallese
Area di intervento
Area metropolitana del Lemano
Tema
Economia agricola
Industria
Altri temi
Programma
PHR economia
Durata del progetto
01.01.2017 - 31.12.2019
Costo
CHF 637'540.–
Contributo Confederazione
CHF 344'250.–
Contatto
AGRIDEA
Magali Esteve
Jordils 1
1001 Lausanne
Svizzera
Vaud
+41 21 619 44 00
Magali.esteve@agridea.ch
NRP
Gli obiettivi strategici e le priorità di attuazione della NPR variano da Cantone a Cantone e da regione a regione e sono determinanti per la scelta dei progetti che verranno sostenuti con i fondi NPR.
Condividi articolo