Politica per le aree rurali e le regioni montane

Politica per le aree rurali e le regioni montane

Con la politica per le aree rurali e le regioni montane (P-LRB) la Confederazione mira a promuovere lo sviluppo sostenibile di queste aree. Per l’attuazione di questa politica trasversale sono stati messi a disposizione diverse misure e strumenti. Anche le politiche settoriali territorialmente differenziate, come la politica agricola, la politica in materia di parchi e turismo o quella regionale, contribuiscono allo sviluppo delle aree rurali e delle regioni montane e all’attuazione della P-LRB.
La P-LRB stabilisce obiettivi strategici e principi d'intervento a sostegno delle molteplici politiche settoriali della Confederazione che incidono su tali spazi. Poggia su due rapporti di base elaborati sotto la guida della Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e dell'Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE), che la attuano in collaborazione con altri servizi della Confederazione.

Le aree rurali e le regioni montane forniscono servizi molto importanti per il Paese. Non sono soltanto spazi di vita e abitativi, ma svolgono anche importanti funzioni in quanto spazi economici, ricreativi e di identificazione nonché aree ad alto valore naturalistico e paesaggistico. Esercitano quindi un ruolo centrale per lo sviluppo sostenibile attuale e futuro della Svizzera. La globalizzazione, le trasformazioni sociali e i cambiamenti ambientali rappresentano grandi sfide per queste aree e influiscono sul loro sviluppo:

  • Gli spazi rurali periurbani, ad esempio, sono interessati da un forte aumento degli insediamenti e dall'espansione disordinata, mentre gli spazi rurali periferici sono confrontati all'esodo demografico e all'invecchiamento della popolazione. 
  • Il cambiamento strutturale in atto nel settore dell'agricoltura, dell'industria e del turismo può compromettere la competitività di queste aree.
  • I cambiamenti climatici obbligano in particolare i comuni a vocazione turistica a cercare soluzioni innovative. 

La P-LRB, strettamente connessa con la politica degli agglomerati (AggloPol), aiuta queste regioni ad affrontare le sfide in modo efficace. 


Visione della P-LRB

La visione della politica per le aree rurali e le regioni montane si compone di quattro elementi.

  • Grazie alla loro diversità, alle loro potenzialità specifiche e all’utilizzo delle relazioni funzionali con gli agglomerati, le aree rurali e le regioni montane forniscono un importante contributo allo sviluppo sostenibile della Svizzera.
  • Offrono prospettive di sviluppo a lungo termine in quanto spazi abitativi e di lavoro e garantiscono la qualità degli spazi naturali, paesaggistici e ricreativi.
  • Attori con spirito innovativo e imprenditoriale sono in grado di formulare risposte orientate al futuro alle sfide economiche, sociali e ambientali.
  • Insieme alle aree urbane, le aree rurali e le regioni montane caratterizzano l'identità, l'immagine e di rimando lo sviluppo della Svizzera.  

Obiettivi a lungo termine

Affinché la politica possa identificarsi nella visione di lungo periodo, sono fissati quattro obiettivi a lungo termine che descrivono il risultato atteso nelle aree rurali e nelle regioni montane:

  • Obiettivo 1: creare condizioni di vita attrattive: Occupandosi in modo accurato del loro spazio gli attori nelle aree rurali e nelle regioni montane promuovono la qualità degli insediamenti, valorizzano il paesaggio e rafforzano le varietà regionali di paesaggi, strutture economiche ecc.
  • Obiettivo 2: tutelare e valorizzare le risorse naturali: Le risorse naturali vengono assicurate a lungo termine e messe a valore attraverso dei meccanismi adatti, affinché la creazione di valore aggiunto possa avvenire maggiormente sul territorio e presso prestatori di servizio locali.
  • Obiettivo 3: rafforzare la competitività: Le aree rurali e le regioni montane rafforzano le loro attività economiche e le sviluppano in corrispondenza con i loro potenziali regionali, affinché si generino posti di lavoro attrattivi e orientati al futuro.
  • Obiettivo 4: promuovere la varietà culturale: La varietà culturale va sviluppata come elemento importante per l’attrattiva del territorio per viverci, per il tempo libero e per il turismo. Con varietà culturale si intende pure un coinvolgimento attivo dei diversi attori presenti in loco.

Principi d’intervento

La politica poggia su cinque principi d'intervento strategici, che a loro volta si basano sugli obiettivi a lungo termine:

  • rafforzare i partenariati e la collaborazione interregionale e sovrasettoriale
  • rafforzare la governance orizzontale e verticale
  • definire le priorità operative e rafforzare i centri
  • armonizzare strumenti, misure e progetti
  • rafforzare le iniziative locali. 

Misure della P-LRB

La P-LRB viene attuata grazie a diverse politiche settoriali e a una serie di misure e strumenti specifici, alcuni dei quali sono stati concepiti specificatamente per le aree rurali e le regioni montane, mentre altri sono destinati anche alle aree urbane (strumenti e misure comuni della P-LRB e della politica degli agglomerati).

Bild: regiosuisse.

ISCRIVETEVI ADESSO: Forum scientifico regiosuisse 2018 «Sfide e opportunità della digitalizzazione nello sviluppo regionale»

Questo evento, organizzato sull’arco di due giorni, si propone di mettere a disposizione degli operatori del settore le conoscenze acquisite attraverso la ricerca e di incentivare la scienza ad elaborare temi rilevanti per la pratica.
Condividi articolo