www.regiosuisse.ch – La piattaforma per lo sviluppo regionale in Svizzera

Promozione dell’utilizzo di prodotti sostenibili e regionali nella ristorazione collettiva nell’area metropolitana di Zurigo

Il progetto mira a promuovere l’utilizzo di prodotti regionali nella ristorazione collettiva del settore pubblico. A tal fine si propone di sensibilizzare i decisori del settore. Nell’ambito del progetto verrà anche analizzata la sostenibilità delle aziende della ristorazione collettiva che decidono di partecipare al progetto e verrà creata una piattaforma di scambio per gli attori che intervengono nella catena del valore (produzione, trasformazione dei prodotti alimentari, consegna ecc.). Su tale base verranno formulate delle raccomandazioni da integrare nei corsi di formazione. Il progetto è realizzato nell’ambito del programma pilota Aree d’intervento economia (PHR economia) che si focalizza sull’importanza economica delle aree di intervento definite dal Progetto territoriale Svizzera.

Obiettivi ed effetti attesi

Il progetto diretto da AGRIDEA persegue l’obiettivo generale di sensibilizzare, motivare e formare gli attori delle aziende che forniscono servizi di ristorazione alla collettività (ad es. case per anziani, ospedali) a un approvvigionamento e una ristorazione sostenibili, basati su prodotti regionali. In tal modo si intende anche migliorare lo smercio a livello regionale di prodotti agricoli locali.

Gli obiettivi particolari del progetto sono:

  • analisi dell’interdipendenza tra il tema e l’area metropolitana di Zurigo
  • creazione di una piattaforma di informazione e scambio
  • gestione di una rete di aziende pilota
  • organizzazione di corsi di formazione ed elaborazione di pubblicazioni
  • integrazione degli attori delle catene di creazione del valore.

Attività

Il progetto si articola in cinque moduli che si concluderanno nel 2019.

Modulo 1: comunicazione di progetto e rilevanza dell’area metropolitana di Zurigo

Nel modulo 1 viene illustrata la rilevanza del progetto per l’area metropolitana di Zurigo ed evidenziata l’interazione tra gli impulsi attesi dal progetto e l’area metropolitana. A tal fine è previsto uno scambio con la segreteria generale dell’associazione Metropolitanraum Zürich.

Modulo 2: sensibilizzare i decisori delle aziende della ristorazione collettiva

Nell’ambito di questo modulo viene creata una piattaforma di scambio che elabora le conoscenze ricavate dal progetto e le mette a disposizione dei decisori della politica, dell’amministrazione, dello sviluppo regionale e delle organizzazioni di interesse. Inoltre verranno elaborate strategie e raccomandazioni per motivare le aziende della ristorazione collettiva a effettuare i loro acquisti in modo più sostenibile e orientato ai prodotti regionali.

Modulo 3: rete di aziende pilota della ristorazione collettiva

Nell’ambito di questo modulo è prevista la creazione di una rete formata da una ventina di aziende della ristorazione collettiva. La situazione dell’approvvigionamento verrà analizzata e valutata secondo criteri di sostenibilità per ognuna delle aziende partecipanti. Sulla base dei risultati verranno discusse e formulate delle raccomandazioni.   

Modulo 4: organizzare corsi di formazione per i capocuochi

In questo modulo si utilizzeranno i risultati delle analisi effettuate nel modulo 3 per elaborare raccomandazioni generali in materia di acquisto di prodotti alimentari. Queste raccomandazioni serviranno per la formazione e il perfezionamento del personale della ristorazione (cucina, acquisti) e del management come pure di altri responsabili.

Modulo 5: sensibilizzare gli attori che intervengono nelle catene di valore

Nell’ambito di questo modulo gli attori che intervengono nella catena del valore (produzione, trasformazione degli alimenti, consegna ecc.) partecipano a una piattaforma di scambio, prendono atto delle conoscenze ottenute e introducono i cambiamenti necessari nella loro azienda.  

Valore aggiunto atteso per l’area di intervento

Nel quadro del progetto si tratterà di chiarire in che misura il tema è rilevante per l’area di intervento o se altri livelli territoriali si prestano meglio. A questo scopo è previsto uno scambio con l’associazione   Metropolitanraum Zürich, oltre a chiarimenti e sondaggi sugli effetti del progetto nell’area di intervento.   Su tale base si raccoglieranno conoscenze sul ruolo dell’area di intervento per lo sviluppo economico.

Attori coinvolti

AGRIDEA Lindau: direzione generale del progetto

Associazione Culinarium: partner del progetto, collaborazione a diversi moduli

Beelong Sàrl: partner del progetto, collaborazione a diversi moduli

Associazione Metropolitanraum Zürich: membro del gruppo di accompagnamento, collaborazione a diversi moduli

Cantoni dell’area metropolitana di Zurigo: membri del gruppo di accompagnamento

Sezioni di CURAVIVA dell’area metropolitana di Zurigo: membri del gruppo di accompagnamento

Pro Zürcher Berggebiet, Bauma e Naturpark Schaffhausen: membri del gruppo di accompagnamento

Organizzazioni agricole svizzere: membri del gruppo di accompagnamento

Schweizer Verband für Spital-, Heim- und Gemeinschaftsgastronomie Zofingen: membro del gruppo di accompagnamento

PHR economia

Il programma pilota Aree d’intervento economia (PHR economia) si focalizza sull’importanza economica delle aree di intervento definite dal Progetto territoriale Svizzera. Per mezzo di progetti urbano-rurali con un orientamento economico si propone di raccogliere elementi e conoscenze sull’importanza economica delle aree di intervento. Il programma pilota è attuato nell’ambito della Nuova politica regionale (NPR) in stretta collaborazione con l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale (ARE).

Aree di intervento secondo il Progetto territoriale Svizzera

https://www.are.admin.ch/are/de/home/raumentwicklung-und-raumplanung/strategie-und-planung/raumkonzept-schweiz/_jcr_content/par/image/image.imagespooler.jpg/1476917385593/karte_1_des_raumkonzeptschweiz515handlungsraeumebildenunddaspoly.jpg

 

Il PHR economia è una misura della Politica degli agglomerati della Confederazione 2016+ (AggloPol) e della Politica della Confederazione per le aree rurali e le regioni montane (P-LRB), la cui attuazione è stata affidata nel febbraio 2015 all’ARE e alla Segreteria di Stato dell’economia (SECO). In quanto tale, il programma serve quindi allo sviluppo territoriale coerente e punta alla promozione di progetti concreti nelle sei aree di intervento definite (area metropolitana di Zurigo, area metropolitana del Lemano, Regione della capitale Svizzera, area metropolitana trinazionale di Basilea, Lucerna e Arco giurassiano).

Il PHR economia è attuato nell’ambito della NPR e si focalizza su obiettivi economici.

Oltre ad imprimere impulsi allo sviluppo economico della regione, il PHR economia mira a verificare, attraverso progetti concreti, l’importanza delle tematiche economiche nelle aree di intervento definite. I progetti devono permettere di individuare le sfide e i compiti che possono essere gestiti particolarmente bene nelle aree di intervento del Progetto territoriale Svizzera. 

Parallelamente, vengono esaminate le interfacce con altre politiche settoriali. Il PHR economia deve portare vantaggi principalmente alle aree rurali, alle regioni di montagna e a quelle di confine (ambito di promozione della NPR).

Contatto presso la SECO: Sabine Kollbrunner (sabine.kollbrunner@seco.admin.ch, 058 462 22 64), Cyril Lyner (cyril.lyner@seco.admin.ch, 058 464 73 50); contatto presso l’ARE: Alessia Daouk (alessia.daouk@are.admin.ch, 058 463 39 38).

Cantone
Argovia
Lucerna
Svitto
Sciaffusa
San Gallo
Turgovia
Zugo
Zurigo
Area di intervento
Area metropolitana di Zurigo
Tema
Economia agricola
Industria
Altri temi
Programma
PHR economia
Durata del progetto
01.07.2017 - 31.12.2019
Costo
CHF 541'420.–
Contributo Confederazione
CHF 292'410.–
Contatto
AGRIDEA
Alfred Bänninger
Eschikon 28
8315 Lindau
Svizzera
Zurigo
+41 52 354 97 56
alfred.baenninger@agridea.ch
NRP
Gli obiettivi strategici e le priorità di attuazione della NPR variano da Cantone a Cantone e da regione a regione e sono determinanti per la scelta dei progetti che verranno sostenuti con i fondi NPR.
Condividi articolo