La piattaforma per lo sviluppo regionale in Svizzera

Politiche settoriali che influenzano lo sviluppo territoriale in Svizzera

Politiche settoriali che influenzano lo sviluppo territoriale in Svizzera

La Confederazione, i Cantoni e i comuni applicano una serie di politiche settoriali che, almeno in parte, impattano fortemente sul territorio – sia attraverso regolamentazioni e prescrizioni sia attraverso programmi di promozione, alcuni dei quali con un’importante dotazione finanziaria. Queste politiche perseguono obiettivi tematici: la politica agricola mira per esempio ad assicurare la produzione e l’approvvigionamento di derrate alimentari, quella dei trasporti a garantire che le infrastrutture di trasporto siano sufficienti ed efficienti. Dato che indirettamente possono avere un impatto rilevante sul territorio, per esempio attraverso i progetti di costruzione, assumono grande importanza nell’attuazione di uno sviluppo territoriale coerente.

Oltre alla politica degli agglomerati (AggloPol) e alla politica per le aree rurali e le regioni montane (P-LRB) varie politiche settoriali contribuiscono allo sviluppo territoriale della Svizzera con una serie di misure di comprovata efficacia. Uno sviluppo territoriale coerente richiede pertanto il coordinamento di diverse politiche e misure e presuppone l’interazione degli attori che le concepiscono e le attuano.

L’impatto delle politiche sullo sviluppo e l’utilizzo del territorio dipende anche dalle risorse finanziarie disponibili per l’attuazione.

Politiche settoriali e programmi che influenzano in modo significativo lo sviluppo e l’utilizzo del territorio:

 

Bild: regiosuisse

Conferenza formation-regiosuisse 2021: presentazioni e informazioni disponibili online

Zusammenfassung
Conferenza formation-regiosuisse 2021: presentazioni e informazioni disponibili online

NPR sul terreno: nuovo video dedicato al progetto «Frischloft – coworking space a Appenzello»

Zusammenfassung
NPR sul terreno: nuovo video dedicato al progetto «Frischloft – coworking space a Appenzello»
Condividi articolo