www.regiosuisse.ch – La piattaforma per lo sviluppo regionale in Svizzera

Bild: Claudia Brandenberger.

«A volte basta davvero poco»

Markus Glättli offre escursioni in montagna o con le ciaspole e tour con le e-bike in tutta la Svizzera e all’estero. Con determinazione e spirito imprenditoriale è riuscito a trasformare il suo hobby in una professione e a generare valore aggiunto in regioni poco conosciute. Quali sono i fattori che hanno contribuito alla riuscita del suo progetto?

Testo: sanu in collaborazione con regiosuisse

«Attualmente sono in Finlandia per un tour della Lapponia» ci comunica al telefono Markus Glättli, accompagnatore di escursionismo con attestato professionale federale. «Spero che mi sentiate bene». La connessione è buona anche se probabilmente avremmo avuto meno difficoltà se avessimo condotto l’intervista in un altro momento. Markus Glättli organizza molti tour in Svizzera: al versante sud del Lötschberg, in Val Monastero o nel parco naturale del Doubs. «Cerco di non scegliere le località più turistiche ma quelle meno conosciute poiché lì c’è anche meno concorrenza» spiega Glättli. Così è però anche più difficile trovare un numero sufficiente di partecipanti. «A me preme dare il mio modesto contributo all’economia di queste regioni permettendo loro di beneficiare del turismo. Incoraggio i miei clienti a conoscere gli angoli meno noti della Svizzera e cerco di suscitare il loro interesse raccontando aneddoti e leggende locali» prosegue Glättli.

Un hobby diventato una professione

Da parecchi anni Markus Glättli organizza escursioni guidate in montagna, con le ciaspole e con le e-bike. Tutto è iniziato per hobby. Poi l’attività si è trasformata in un impiego a tempo parziale finché cinque anni fa non è arrivata la svolta. «Dovevo prendere una decisione: o svolgevo la mia attività di accompagnatore di escursionismo a tempo pieno o la riducevo sensibilmente. Il lavoro amministrativo richiede parecchio impegno, indipendentemente dalla percentuale di occupazione. Mi bloccava però la mancanza di know-how. Come potevo avere la certezza che avrei avuto un numero sufficiente di prenotazioni? Come potevo pubblicizzare meglio la mia offerta? Qual è il valore aggiunto che le mie escursioni assicurano al cliente?» Markus ha trovato la risposta alle sue domande frequentando il corso di certificazione sanu «Tourismus. Ganz natürlich» che gli ha permesso in particolare di imparare a comunicare meglio le sue offerte e i loro vantaggi. Il risultato? I suoi tour figurano nel sito di Svizzera Turismo e sono pubblicizzati dai clienti già acquisiti. Glättli ha inoltre creato un proprio sito e fa pubblicità tramite diverse organizzazioni e gli uffici turistici regionali. Queste iniziative gli hanno permesso di incrementare il volume delle prenotazioni. La scelta di seguire un corso professionale si è rivelata molto utile - e anche l’incentivo giusto per fare il salto e dedicarsi a tempo pieno alla sua attività.

Creazione del valore in regioni poco note

Nel frattempo Markus Glättli riesce a vivere del suo lavoro offrendo qualche vantaggio anche alla popolazione locale. «Pernottiamo nelle capanne. Per alcune tratte assumo guide alpine locali. Naturalmente utilizziamo le ferrovie di montagna che ci permettono di scendere dalle vette senza rovinare le ginocchia» sorride Glättli, che si contraddistingue anche per la sua capacità di trovare delle leggende o degli aneddoti da raccontare per ogni località visitata. Sa bene che il suo contributo alla creazione regionale di valore è modesto ma i riscontri positivi non mancano: «La gente del posto apprezza il fatto che abbia scelto proprio questi luoghi per le mie escursioni – a volte basta davvero poco».

Possibilità di promozione di offerte e prodotti nel settore del turismo nell’ambito della Nuova politica regionale (NPR)

Il turismo è un ramo economico orientato all’esportazione, fondamentale per le regioni di montagna e le aree rurali svizzere. Proprio per questo figura tra i maggiori beneficiari dei contributi versati attraverso la NPR. Confederazione e Cantoni sostengono molti progetti volti a gestire il cambiamento strutturale nel turismo allo scopo di rendere le destinazioni svizzere più concorrenziali a livello internazionale e rafforzare a lungo termine un pilastro economico importante per le regioni di montagna e le aree rurali.

Maggiori informazioni

Foto: Markus Glättli (fonte: Claudia Brandenberger).

Condividi articolo
0 Commenti

Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.