www.regiosuisse.ch – La piattaforma per lo sviluppo regionale in Svizzera

Bild: regiosuisse.

Elevato fabbisogno d'investimenti per il traffico d'agglomerato

Alla fine del 2016 sono stati presentati alla Confederazione 37 programmi d’agglomerato di terza generazione. I progetti in materia di trasporti da essi previsti comportano investimenti per circa dodici miliardi di franchi. Affinché la Confederazione possa cofinanziare i programmi come fatto sinora, sono necessarie risorse supplementari. Il Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato (FOSTRA), sul quale Popolo e Cantoni saranno chiamati a votare il prossimo 12 febbraio, crea le condizioni per il loro reperimento.

I programmi d'agglomerato di terza generazione presentati saranno esaminati e si procederà a una priorizzazione delle misure sotto l’egida dell’Ufficio federale dello sviluppo territoriale e di concerto con gli altri Uffici federali interessati. I progetti più efficaci potranno contare su un contributo federale compreso fra il 30 e il 50 per cento, a condizione che i mezzi finanziari possano essere attribuiti attraverso il FOSTRA. Il corrispondente elenco di progetti sarà messo in consultazione nel 2018. Le Camere federali decideranno all’inizio del 2019 in merito ai progetti da sostenere.

Elenco dei programmi d‘agglomerato
  • Zürich Oberland 
  • Winterthur und Umgebung 
  • Zürich-Glattal 
  • Limmattal 
  • Langenthal 
  • Bern 
  • Biel-Bienne/Lyss 
  • Burgdorf 
  • Thun 
  • Luzern 
  • Unteres Reusstal 
  • Zug 
  • Bulle 
  • Fribourg 
  • Aareland 
  • Solothurn 
  • Basel 
  • St.Gallen-Bodensee 
  • Werdenberg-Liechtenstein 
  • Obersee 
  • Wil 
  • Aargau-Ost 
  • Frauenfeld 
  • Kreuzlingen-Konstanz 
  • Bellinzonese 
  • Locarnese 
  • Luganese 
  • Mendrisiotto 
  • Lausanne-Morges 
  • Brig-Visp-Naters 
  • Coude du Rhône - Martigny 
  • Chablais (Monthey-Aigle) 
  • Valais central (Sion-Sierre) 
  • RUN (Réseau urbain neuchâtelois) 
  • Grand Genève 
  • Delémont 
  • Talkessel Schwyz

Maggiori informazioni nel comunicato stampa della Confederazione

Condividi articolo