Bild: regiosuisse.

Politica regionale 1970–2007

Le origini della politica regionale risalgono agli inizi degli anni '70. Con la creazione di regioni e la promozione di progetti d’infrastruttura (LIM) la Confederazione cercava di contrastare l’emigrazione dalle regioni di montagna. Nelle regioni a struttura unilaterale si è tentato di sostenere il rilancio dell’economia mediante la promozione di imprese singole (Decreto Bonny). Nel corso degli anni questi strumenti di politica regionale sono stati adattati e integrati con altre misure. Ci si sono così aggiunti i programmi Interreg per promuovere la collaborazione transfrontaliera e Regio Plus per sostenere il rinnovamento strutturale nelle aree rurali.

Nel corso del tempo questi strumenti di politica regionale hanno perso la loro efficacia. Sempre più si sono smussati in una raccolta di casi particolari che devono essere risolti in territori diversi secondo istanze e regole d’applicazione particolari. Con la politica regionale finora in uso le zone di montagna sono diventate più attrattive quali luoghi di residenza, ma la situazione economica e la competitività quasi non sono migliorate. La maggiore difficoltà è costituita dalla scarsità di posti di lavoro.


Legge sull’aiuto agli investimenti (LIM)

La Legge federale sull’aiuto agli investimenti per le regioni di montagna (LIM) sosteneva lo sviluppo (economico) delle regioni di montagna in Svizzera mediante la suddivisione in zone e la promozione di progetti d’infrastruttura. Dal 1974 la Confederazione gestiva a questo scopo un «fondo di rotazione» di circa 1,5 miliardi di franchi. I cantoni erano tenuti a partecipare ai progetti d’infrastruttura con un finanziamento equivalente a quello federale. La promozione avveniva in maggior parte sotto forma di mutui a comuni di montagna, rimborsabili a lunga scadenza e per lo più senza interessi. Con l’entrata in vigore della NPR il 1° gennaio 2008 la LIM venne abolita. Il fondo della LIM è stato ripreso nell’ambito della Nuova politica regionale (NPR) sotto il nome di «fondo per lo sviluppo regionale» e serve a finanziare  tutte le misure di politica regionale prese dalla Confederazione.


Il Decreto Bonny

Il decreto federale del 6 ottobre 1995 in favore delle zone di rilancio economico si prefiggeva di sostenere lo sviluppo di quelle regioni che erano confrontate con difficoltà economiche. A questo scopo si sono concessi aiuti diretti a progetti innovativi che miravano a diversificare le aziende private. Il decreto Bonny è stato sostituito alla fine del 2007 dalla Nuova politica regionale (NPR). 


INTERREG I, II + III

Nel 1990 l’Unione europea lanciò l’iniziativa comunitaria Interreg per sostenere le regioni limitrofe situate all’interno dell’Unione o ai suoi confini a superare le difficoltà dovute alla loro specifica situazione geografica.
Il primo periodo dell’iniziativa – INTERREG I – è durato dal 1990 fino al 1993. Il suo scopo principale era quello di promuovere la collaborazione transfrontaliera fra regioni direttamente confinanti.
Al termine del primo periodo l’iniziativa comunitaria è proseguita con INTERREG II, programma durato dal 1994 al 1999. INTERREG II aveva una maggiore estensione rispetto a quella del programma precedente. In regioni più vaste venivano inglobati anche territori che non avevano una frontiera statale. Il programma comprendeva tre orientamenti:

  • II A: cooperazione transfrontaliera
  • II B: reti energetiche transnazionali
  • II C: cooperazione transnazionale nell’ambito dell’ordinamento territoriale

A INTERREG II succedette nel 2000 INTERREG III. Questo terzo periodo, durato fino al 2006, comprendeva un’ulteriore estensione: anche singole regioni non confinanti potevano stipulare convenzioni di programma nell’ambito della cooperazione interregionale.

  • III A: cooperazione transfrontaliera
  • III B: cooperazione transnazionale
  • III C: cooperazione interregionale

Nel 2007 l’Unione europea dette avvio ad un quarto periodo di programmazione – INTERREG IV – che durerà fino al 2013. Interreg è stato integrato nella politica di coesione dell’UE.

In Svizzera il programma Interreg prosegue dal 1° gennaio 2008 nell’ambito della Nuova politica regionale (NPR). Una clausola retroattiva ne ha garantito il finanziamento per l’anno 2007.


Regio Plus

Regio Plus è stato lanciato come programma di impulso per sostenere il cambiamento strutturale nelle aree rurali. Il programma è stato in vigore dal 1997−2007. Gli ultimi progetti saranno conclusi entro la fine del 2012. La Confederazione ha messo a disposizione complessivamente 72 milioni di franchi per l’attuazione del programma. Di questa somma 67 milioni sono confluiti nei progetti e 5 milioni sono stati utilizzati per lo scambio di informazioni e esperienze come pure per la verifica dei risultati.

Sottorubrica «Regio Plus» >>>

regiosuisse

ISCRIVETEVI ADESSO: Comunità delle conoscenze regiosuisse «Digitalizzazione dell’economia»

L’objectif de cette séance sera d’identifier les différentes compréhensions que l’on peut avoir du terme « infrastructures » lorsque l’on parle de numérisation. Plutôt que s’arrêter sur des aspects techniques, il s’agira de se poser la question des opportunités offertes par exemple, par une connexion haut-débit.
Condividi articolo